Questo sito utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per permettere una migliore esperienza di navigazione. Cliccando ok, continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie. Per saperne di più

Spazio Neutro

Lo Spazio Neutro di Capo d'Orlando è nato nel 2016, su proposta dell'Associazione Pink Project. Il 04 Gennaio del corrente anno è stato siglato apposito Protocollo d'Intesa atto a regolamentare le attività tra il Comune e lo Spazio Neutro. Si tratta di un servizio sperimentale che avrà la durata di sei mesi e che ha già preso in carico la gestione neutra di alcuni nuclei familiari. La collaborazione tra le due realtà, pubblica una e del privato sociale l'altra, ormai consolidata negli anni, ha reso possibile nel tempo lo sviluppo di buone sinergie e un utilizzo migliore di risorse e competenze, nel rispetto delle specifiche funzioni del Comune e dell'Ente socio-assistenziale, in materia di servizi.

Spazio Neutro è un servizio del Comune di Capo d'Orlando attivato al fine di garantire e facilitare l'esercizio del diritto di visita e di relazione, secondo i principi enunciati dell'art. 9 della "Convenzione dei diritti dell'infanzia”.
L’intervento dei servizi denominati “Spazio Neutro” è un atto di cura per permettere ai figli di mantenere intatti, al di là delle crisi e delle rotture familiari, i legami con i genitori e la famiglia allargata.
Favorire e sostenere la continuità
della relazione tra il bambino e i suoi genitori a seguito di separazione, divorzio conflittuale, affido e altre vicende di grave e profonda crisi familiare è quindi la finalità di questi servizi.
L’invio avviene attraverso un provvedimento dell’autorità giudiziaria al Servizio Sociale Professionale e da questi allo Spazio Neutro. Il trattamento si sviluppa in stretta collaborazione con i servizi sociali territoriali, in questo caso del Comune di Capo d'Orlando.

Il servizio opera con il seguente staff:
 n.1 Assistente sociale - Responsabile per il Servizio Sociale Professionale comunale - Referente dei casi. Svolge il compito istituzionale della tutela e di responsabile del progetto complessivo.
n.1 psicoterapeuta - Coordinatore - personale dell’Associazione. E’ il referente unico del servizio all’esterno, in particolare nei confronti del Servizio comunale. E’ il responsabile tecnico e quindi garante della qualità del servizio offerto. Partecipa agli incontri di progettazione, verifica e chiusura dei casi tra operatore e servizio comunale. Gestisce e supervisiona gli incontri preliminari con i genitori e con il b
ambino. Garantisce la corretta conduzione del progetto, vigilando sull’operato del Servizio e sull’aderenza dell’intervento agli obiettivi concordati. Coordina, verifica la funzionalità dell’organizzazione e raccoglie e rielabora riportando, nelle sedi opportune, le questioni emergenti.
n.1 Psicologo e n. 1 educatore professionale - personale dell’Associazione - Supportano gli incontri con i genitori. L’operatore in relazione alle diverse relazioni familiari assolve a funzioni di facilitazione, mediazione e protezione della relazione, indipendentemente dalla propria esperienza professionale.
n. 1 Amministrativo - personale comunale - Garantisce supporto amministrativo per la predisposizione degli atti.
Nello specifico i destinatari diretti del progetto “Spazio Neutro”sono:
a) Minori per cui è stato emesso un provvedimento dell’Autorità Giudiziaria Ordinaria;
b) Minori in affidamento familiare per i quali è previsto dal provvedimento dell’A.G., in alcune fasi del progetto di affidamento, il mantenimento della relazione con la famiglia di origine in un contesto protetto.
I destinatari indiretti del progetto sono le figure parentali e quelle della famiglia allargata (nonni, zii, cugini ...) con le quali il minore deve ricostruire, rinsaldare, rafforzare il legame psico – affettivo.